29 dicembre 2008

Grigio noia mortale


Un breve estratto dal racconto: Grigio noia mortale




È una lieve anomalia






Tutta questa è pura finzione: ora devi dirmi tu chi sono. Per fortuna ho la certezza di non essere reale, e sono completamente a disposizione. Dovrei tornare a casa, dovrei dormire. Allento ancora un po’ il nodo della cravatta e slaccio il bottone del collo della camicia. L’hai fatto tu, questa sera. Ridevi e ti nascondevi dietro occhi troppo truccati e mi hai slacciato il bottone della camicia.
Mi hai detto: — Ma non devi dormire? Ma domani mattina... — e mi guardavi dal basso in alto ma quali sono i veri rapporti di forza lo sappiamo.
Mi stavi chiedendo di restare un altro po’, lì con voi. Sono rimasto lì con te. Ti sono bastati cinque secondi per slacciare la mia cravatta e slacciare i legacci che mi tenevano fermo al mio posto ligio al dovere slacciarmi la maschera e legarmi qualcosa tra il petto e il ventre. Mi ha fatto l’effetto di una tequila bevuta d’un fiato: la botta improvvisa e sensazioni dilatate a seguire.


[continua...]



"Tutti i sogni che abbiamo imparato" è una raccolta di racconti, ambientati tra Reggio Emilia e Dublino, spaziando tra uffici, centro città, periferie industriali. I racconti sono legati uno all'altro, e tracciano la storia dell'evoluzione - così dichiara il protagonista - di Alex, un quasi trentenne alle prese con amore, lavoro, amicizie. Le diverse storie conservano una loro autonomia, mettendo a fuoco singoli episodi e svolgendosi tra ironia e rabbia, passione e cinismo; tutte però unite infine dalla ricerca di un nucleo, di una sostanza ultima, di un sogno.




La raccolta di racconti può essere acquistata presso Edizioni Creativa - su www.edizionicreativa.it

Nessun commento:

Posta un commento