18 marzo 2011

L'uomo autografo

Smith Zadie - L'uomo autografo

In breve: Alex-Li Tandem è un giovane ebreo con padre cinese, che vive a Londra. La sua passione e la sua professione sono gli autografi, che colleziona, compra e vende, falsifica. La sua ossessione è l'autografo di una vecchia attice di film muti degli anni '50, Kitty Alexander. Attorno a Alex-Li Tandem ruotano amici, colleghi, ragazze ed avversari, tra Londra e New York, dove si recherà alla ricerca appunto di Kitty Alexander.

Cosa c'è di bello: intriganti i personaggi, e una sorta di epica moderna in cui l'autrice li colloca. Tutto e tutti, nel libro, sembrano avere un qualcosa in più rispetto alla piatta realtà quotidiana.

Cosa c'è di brutto: alla lunga, il libro non regge. Ironia e simbolismi sono resi male, e il tentativo appunto di creare una storia epica con caratteristiche tutte contemporanee, si rivela un fallimento.

Giudizio finale: dall'incredibile si sconfina nel banale non-credibile. Della stesa autrice, raccomando invece di leggere "Denti Bianchi".

Voto: 6/10