15 dicembre 2011

La scelta delle parole

Alcuni titoli di oggi su Repubblica:
- Le lobby bloccano le liberalizzazioni
- Quanto pesa la patrimoniale "fantasma"

Quello che i titoli dicono e non dicono...

A me sarebbero piaciuti titoli più corretti. Ad esempio:
- I parlamentari bloccano le liberalizzazioni
- Quanto pesa la patrimoniale

Poi si può discutere a lungo se sia giusto o no che le lobby facciano pressione e rappresentino un determinato gruppo. A modo loro, sono come dei sindacati. Con l'eccezione che i sindacati sono raramente considerati dalla nostra classe politica, e gli stessi cittadini li apprezzano con molte riserve (salvo poi invocarli quando butta male). E si può discutere anche se la patrimoniale sia leggera o pesante, e se sia una soluzione corretta o meno.

Ma che si cerchi di essere onesti nei titoli.

Le lobby, in parlamento, non contano nulla. A votare sono i parlamentari. Sono i parlamentari che bloccano una legge. La responsabilità è loro. Solo loro. Ed è giusto, doveroso, che i cittadini non-taxisti e non-farmacisti, questa cosa la sappiano.
Magari io sarei pure d'accordo a non mettere certi medicinali in un supermercato, incoraggiando per esempio comportamenti poco sani (prendere troppe medicine, senza riflettere, o comprarne sempre tre confezioni e poi gettarne due nella spazzatura quando sono scadute).

Però il problema è di altra natura: le lobby fanno pressione. I parlamentari, per qualche motivo che l'articolo non indaga, bloccano le liberalizzazioni.

La patrimoniale "pesa"? Se poi si accoppia questo verbo con l'aggettivo "fantasma", a sottindendere una trappola, un inganno... Si fa informazione in una maniera scorretta. Come già detto, discutiamone nel merito, ma la patrimoniale non è "fantasma". Non è occulta, non è una fregatura.

Sono solo due esempi, davvero il giudizio nel merito delle singole parti della manovra qui non c'entra nulla. Ma i nostri giornalisti, sono fatti così.
Poi si lamentano se un parlamentare osa viola il regolamento del parlamento e fa riprese video clandestine.

Nessun commento:

Posta un commento